Get Adobe Flash player

 Torrefazione in GRANI per  

 Ristoranti,  Comunità e Bar.

 Unica confezione da 1Kg.


 Due sole miscele : 

 Gusto SUPER e

 Gusto CLASSICO


Euro  32,00 Kg.  il SUPER

Euro 28,00 Kg. il Classico









  Caffè in CIALDE.

  

  Due sole  miscele:

   ORO   e ARGENTO


Euro 0,36 / cialda   ORO

   Euro 0,22/cialda Argento

 


Caffè MACINATO.

Unica confezione

da 250 gr.


Due sole miscele ORO e Argento.


 Euro  4,80 / conf.   ORO

 Euro 3,60/conf. Argento


























Crediamo si possa essere d'accordo  nell'affermare che le cose genuine e semplici sono alla fine, quelle che  piacciono di più.

Blasonate marche di caffè, propagandano che le loro miscele sono costituite da innumervoli e misteriosi caffè Arabica, con una serie infinita di bizzarri gusti. 

Ma, pur non mettendo in dubbio quanto vanno affermando, ci chiediamo quante persone possano  onestamente,  valutare quanti e quali caffè sono contenuti in queste costose miscele.  Indubbiamente poche.

Solo il piacere e il gusto di bere un buon caffè fà la differenza, e.......... scusate l`immodestia, raramente abbiamo perso il confronto.

Forme pubblicitarie spaventosamente costose, non aumentano automaticamente la qualità di un caffè, anzi..... il più delle volte la limitano. 


Specie principali   

Arabica. La specie che è stata usata per prima è Coffea arabica, una pianta originaria dell'Etiopia (dove il caffè viene chiamato buna), del Sudan sud-orientale e del Kenya settentrionale e in seguito diffusasi nello Yemen, luogo in cui, peraltro, si ebbero le prime tracce storiche del consumo della bevanda, nel lontano 1450 tra i seguaci del sufismo.

I semi di Coffea arabica hanno un contenuto di caffeina molto inferiore a quelli delle altre specie di larga diffusione e rispetto alle altre specie è autoimpollinante, cioè autogama e inoltre predilige coltivazioni ad alta quota (tra 1000 e 2000 metri). La coltivazione di Coffea arabica fuori dei territori d'origine è iniziata molto presto, p.es. in Indonesia nel 1699.

Robusta. Molto coltivata oggi è Coffea robusta (o Coffea canephora, nome considerato scientificamente più corretto ma poco usato commercialmente). È una specie originaria dell'Africa tropicale, tra l'Uganda e la Guinea, molto adattabile (cresce anche a quote inferiori ai 700 metri) e perciò più economica. La sua coltivazione è iniziata solo nell'Ottocento. È una pianta allogama, quindi richiede impollinazioni incrociate che la possono differenziare geneticamente con più facilità rispetto alla arabica.

Liberica. Tra le specie di cultura meno diffusa, la più importante è Coffea liberica, originaria della Liberia e coltivata, oltre che in Africa occidentale, soprattutto in Indonesia e nelle Filippine

I PAESI DEL CAFFE'

La base per la miscela dell’espresso sono i caffè brasiliani. Il Brasile è il primo produttore al mondo di Arabica, con più di un terzo della produzione totale: 5 miliardi di piante, 35-45 milioni di sacchi all’anno, il 10% del PIL e il 20% delle esportazioni, 5 milioni di persone impiegate, 300.000 produttori. Con il 10% della produzione mondiale e quasi 12 milioni di sacchi all’anno, al secondo posto per l’Arabica è la Colombia, con il suo caffè dolce. Il caffè del Guatemala, paese dalla bassa produzione ma dalla qualità eccellente, è dolcissimo, di media acidità e dall’aroma intenso che va dal cioccolatoso al fiorito. È il complemento ideale delle miscele per il caffè e uno dei componenti preferiti di quelle per il caffè filtro.I paesi africani hanno una produzione limitata, ma di ottima qualità. Il Kenya, con il suo clima temperato e costante, produce un caffè acido e aromatico, mentre l’Etiopia offre il miglior Arabica lavato, estremamente fiorito, con note di caramello. Del caffè dell’India, il pregio è il corpo pieno, insieme a un tocco di amarezza positiva e un aroma speziato. I caffè di El Salvador, Costa Rica, Messico, Panama e Honduras sono dolci con note più acide e conservano le caratteristiche tipiche dei caffè “dolci e leggeri” del Centro America. L’Asia è il continente in cui si concentra la produzione di Robusta, con il Vietnam e l’Indonesia ai primi posti.